Il tartufo Bianco d’Alba non ha bisogno di presentazioni. Gli intenditori sanno bene che chi cerca il meglio in fatto di tartufi è proprio nelle Langhe che deve andare, per sedurre il palato con pietanze che ruotano attorno al sapore elegante e delicato di quello che è il fungo ipogeo più famoso al mondo. In Piemonte lo si può gustare in mille modi e varianti, per la gioia di quegli appassionati dell’enogastronomia che sono costantemente alla ricerca di sapori nuovi e inaspettati.

Al giorno d’oggi lo può assaggiare praticamente chiunque, sia nei ristoranti stellati che nei locali più abbordabili ed easy. Tuttavia esiste una vera e propria top five di luoghi imperdibili in cui ci si dovrebbe assolutamente recare, durante una vacanza in Piemonte, per toccare con mano fino a che punto il bianco d’Alba può rendere speciale una portata. A Villa Reale, nel verde della Tenuta di Fontanafredda, c’è il ristorante Guido, gestito dallo chef stellato Ugo Alciati. Il suo menu rispetta in tutto e per tutto la tradizione e rende omaggio, in ogni sua proposta, alla bontà del re tartufo, trifula per i piemontesi. Imperdibili i tajarin, da provare la zuppa di tartufi e anche l’abbinamento col baccalà.

È una pizzeria, invece, Pomodoro & Basilico di San Mauro Torinese, che proprio di recente è stata riconosciuta dal Gambero Rosso come una delle migliori del Paese. Sorprendente la pizza che s’ispira all’uovo al tegamino, arricchita con una grattata di tartufo. È creativo come pochi, ancora, lo chef Davide Scabin, che ogni giorno stupisce i clienti del ristorante Combal.Zero con piatti da capogiro. Un esempio? I ravioli di tartufi e burrata, i cardi gobbi e, udite udite, lo gnocco fritto, anch’esso a base di bianco d’Alba.

Se al locale glamour preferite la classica e accogliente trattoria, l’Enomagoteca di Torino è il posto che fa per voi. Deve la sua fama a degli abbinamenti insoliti ma mai stonati, che vedono il tartufo accostato ad ingredienti come il branzino e la polenta macinata a pietra. Quando scocca l’ora dell’aperitivo correte, invece, in via Gramsci, sempre nel capoluogo piemontese, per sorseggiare uno spritz accompagnato da un tramezzino a base di tartufo e mascarpone.